Rieccomi!

Ebbene sì, ogni tanto mangio anche le uova :) ottima fonte proteica. Per un bel periodo le ho dovute evitare totalmente perchè non mi facevano dormire la notte ma migliorando, in questi ultimi mesi le ho reinserite nell’alimentazione. Non le mangio tutte le settimane è vero ma soprattutto le acquisto e le consumo con le giuste accortezze.

Le uova, insieme al latte, possono rappresentare un ottimo spunto di riflessione. Nonostante rientrino negli alimenti consumati generalmente anche dai vegetariani, sono nel mezzo.

Il mio percorso mi ha portata alla necessità di tornare indietro e di rendermi più consapevole. Il benessere non è legato solo a quello che decidiamo di mangiare.

Il nostro benessere sta all’ origine del cibo.

L’ informazione è importante per sapere cosa si porta a tavola tutti i giorni, e questo riguarda anche la frutta e la verdura. Credo molto sul fatto che se si è vegetariani e si compra la verdura al primo supermercato non si è coerenti. Per questo è giusto parlare di cucina naturale.

Quello che è cambiato negli ultimi 50 anni purtroppo è la modalità di produzione e di allevamento. Abbiamo perso il rispetto e il contatto con gli animali. Leggere le ettichette è un primo passo. Provate a vedere se le uova che acquistate sono da allevamento da terra o in gabbia, c’è una bella differenza. L’allevamento da terra non da garanzia al 100% della qualità e del trattamento ma è un passo avanti. Se acquistate al bio poi si è molto più sicuri.

Le volte che consumo uova è perchè mi vengono regalate. Le ricevo anche “appena fatte” con tanto di messaggi sul telefono e devo dire che mi riempie di gioia. Avete vicini o parenti con galline in giardino? Esistono ancora persone così fortunate :D Avete aziende agricole vicino a voi che le producono in casa? Per informarsi basta poco!

A volte le ricevo in regalo o le scambio con dolci e marmellate…e questo è il risultato: cambia la forma, il colore e il sapore.

DSC_0430

Ottime uova e i Carletti del mercato di sabato scorso! I Carletti si conservano in frigo e rimangono perfetti almeno per 3 giorni. Tipiche erbette primaverili e servatiche, spuntano un pò ovunque in diverse zone d’Italia. Sono tra le migliori erbe da poter usare in cucina :) hanno quasi il sapore dei piselli cotti.

DSC_0632

Le due ricette più conosciute con queste erbette sono il risotto e la frittata. Fin da piccola ho sempre amato la famosa frittata con i Carletti, mia mamma me la preparava sempre. Questa è una piccola rivisitazione. Ho fatto delle aggiunte, per rendere il piatto più completo e soprattutto un ottimo piatto post allenamento: carboidrati e proteine insieme.

Siamo inoltre vicini a Pasqua e Pasquetta, le frittate sono buone anche fredde, perchè non inserirla nel cesto da pic nic? :)

Frittata di riso e carletti.

DSC_0648Cosa vi serve:

(per 2 persone)

4 uova bio

2 mazzetti di carletti freschi

80 gr di riso integrale

formaggio di riso q.b.

olio evo

sale

pepe

Come si prepare:

preparate una pentola piccola, portate ad ebollizione l’acqua e cuocete il riso integrale per 20 minuti.

Nel frattempo sciacquate e pulite i carletti, fateli saltare in una padella con olio evo e sale per 10 minuti il tempo di ammorbidire le erbette. Mentre si cucina il riso, sbattete le quattro uova in una cotola e aggiungete i cubettini di formaggio di riso.

Non appena pronto il riso, deve essere ben cotto, unitelo insieme ai carletti alle uova e al formaggio, mescolate per bene. Scaldate un goccio di olio su una padella e versate la frittata. Cucinate con coperchio per 15 minuti (7-8 minuti per lato) a fuoco moderato il tempo di cucinare per bene le uova senza bruciale la frittata.

Appena pronta, servite a tavola e buon appetito! :)