Dai un pò l’aspettavate! :) Con questo caldo cosa vi potevo presentare di venerdì con il weekend alle porte? Ma la gra-ni-ta!!!

Questa settimana ho stordito mia mamma e mia cugina Betty per questa ricetta che alla fine…è davvero semplicissima ma le dosi devono essere giuste, bisogna scegliere gli ingredienti giusti e soprattutto non bisogna sbagliare il procedimento.

Per fare la granita siciliana bastano pochi ingredienti e dolci. Eh sì, si usa lo zucchero ma scegliendo quello giusto, all’interno del proprio equilibrio alimentare, una bella colazione con la granita o la merenda del pomeriggio ci sta, è fresca, ed è una vera delizia!

Ogni piatto, tanti ricordi…e il viaggio continua..

Da piccola l’estate si passava soprattutto a Catania nelle case di Zia e Nonna. Dormivo in una cameretta la quale finestra dava sulla strada e la mattina, ad una certa ora una musichetta in lontananza mi svegliava dicendomi che “il granitaro” stava arrivando, con il suo furgoncino simile a quello dei gelati.

Se mi svegliavo, correvo fuori con i pochissimi soldi necessari, dati da zia o da papà e la compravo per chi la voleva. Se invece rimanevo a letto quando mi alzavo, guardavo mia zia e il suo sguardo mi diceva se avrei trovato la granita in freezer.  Era sempre dentro un bicchiere di plastica marrone (quelli del caffè grandi per intenderci) o direttamente dentro la famosa “brioche con il tuppo”.

Era la mia colazione, granita al cioccolato principalmente :) Non iniziavo ogni giornata così però diciamo che la granita quando c’era, era sempre una festa!

Premetto subito che, a casa può venire molto bene ma, non avrà lo stesso colore come in Sicilia. La granita, quella vera, la trovate solo giù e nei posti migliori. Vi renderete conto anche che, viaggiando e girando quella spendida isola, si può incappare in diverse preparazioni. Noi in famiglia cerchiamo di farla al meglio possibile e soprattutto sappiamo cosa ci mettiamo :)

Granita Siciliana mandorle e pistacchio.

DSC_0273_conscritte copia

Cosa vi serve:

per la granita alle mandorle

1 panetto di pasta di mandorle (non zuccherata)

o in alternativa 200 dl di latte di mandorla fatto in casa

100 gr di zucchero di canna o 75 gr di succo d’agave

800 ml di acqua

Per la granita al pistacchio

100 / 150 gr di piastacchi di Bronte tritati finissimi

o in alternativa 100 gr di pasta di pistacchio

150 gr di zucchero di cassa o 100 gr di succo d’agave

650 ml di acqua

(se volete e lo ritenete necessario: 1 pezzetto di pasta di mandorle)

 DSC_0258

Come si prepara:

Se scegliete di preparare la granita alle mandorle partendo dal latte fatto in casa, ecco una ricetta molto utile della mia amica blogger “La Rapa Cruda” – Latte di mandorla raw, in questo modo potrete usare questo latte fresco anche per le vostre colazioni. Più mandorle usate più il sapore è concentrato e durante la preparazione potrete aggiungere dell’altra acqua.

Dunque, la preparazione è uguale per entrambe le granite.

– Utilizzate una piccola pentola per la pasta, aggiungete l’acqua e iniziate a farla scaldare. L’acqua, durante il procedimento, non deve mai bollire.

Aggiungete lo zucchero o il succo d’agave e mescolate finchè non si scioglie bene.

Aggiungete la pasta di mandorle o i pistacchi tritati.

-Riportate entrambi i liquidi in due teglie da forno, quelle che avete, e non appena si saranno raffreddate, mettetele in freezer per tutta la notte.

DSC_0265Il giorno dopo, i liquidi si saranno solidificati. Tirate fuori le teglie, aspettate un pochino in modo che inizino ad ammorbidirsi appena e frullate il tutto. Se avete un frullatore piccolo dividete la granita a pezzi e fate un pò per volta.

Dopo aver frullato bene tutto riponete gli impasti in due contenitori, stendeteli utilizzando un spatolina e rimettete in freezer. In questo modo l’impasto non ghiaccerà più ma rimarrà cremoso. Quelle volte che vorrete la granita basta aspettare che si ammorbidisca leggermente e poi potrete raschiarla via :)

Le granite si mantengono per molto tempo in freezer, se necessario ogni tanto rifrullate l’impasto. :)

Slurp!

Ps: provate anche con il latte di mandorla confezionato..non zuccherato. Usate ne 600/800 ml è meno concentrato ma si può fare un tentativo :)

DSC_0288

La prossima settimana due altre ricette dedicate alla Sicilia! Saranno speciali :)

Non perdetele!!!