Certe sere sono lì che desidero di essere teletrasportata alla mattina successiva…giusto perchè ho già fame e vorrei fare colazione :) il mio momento preferito della giornata…

E aimè di fronte alla colazione, pure una meraviglisa notte di sonno sembra infinita :) devo sempre aspettare…

Il risveglio è ciò che mi piace, anche se in certi periodi della mia vita ad oggi è stato il momento in cui ho lottato con l’ansia e lo stress…ma è da lì che ho imparato a rendere la colazione un momento a mio favore, mi regalo ciò che mi piace di più, mi dono del tempo e provo a rilassarmi…

Ora la mattina è sempre piena di pensieri (chi non ne ha?) ma è il momento più puro della giornata, alzarsi e scappare via significherebbe rinunciare ad una parte di tempo molto importante…

Stamattina Nanà era irrequieta e allora, fatta la colazione, sono uscita subito con lei. Abbiamo passeggiato in un silenzio quasi assoluto… le strade e l’atmosfera sono ancora imbalsamate dalle feste, ci sono poche persone, poche macchine, una bicicletta che cigola…

Solamente andando verso la strada principale ti accorgi che qualcuno è in movimento, sennò tra i quartieri ancora alle 8.00 ci sono solo le luci delle cucine, le luci dei primi risvegli quando apri una finestra per dire che ci sei ma il resto è ancora lì…

Passeggio e penso a questo mese, Gennaio, cerco di viverlo respirando lentamente, perchè lavoro in ogni secondo ma sono sospesa, in attesa di arrivare a delle date che per me saranno determinanti. Potrei arrivare a fine mese e dare una svolta a tutto oppure mi potrei ritrovare punto a capo…. io mi voglio vedere felice e “vittoriosa”, non a terra…sono abituata a far salite e so che alla cima ci arrivo…io si ci arrivo è una cosa che sento!

Alla mia colazione dunque non rinuncerò mai e sapete, nella super cesta che ho ricevuto a Natale c’era un pacchetto di avena, certificata senza glutine.

E’ un cereale che da poco sta rientrando nel mondo gluten-free, è in fase di grande rivalutazione. La cosa importante per questo cereale è la provenienza e la possibile contaminazione, in quanto dietro alla lavorazione ci deve essere un attento controllo. Prediligete quelli certificati!

E dunque ne ho usata metà per fare una granola :) una granola proteica, non troppo dolce e ricca delle cose che amo di più!

Granola con mandorle, semi di canapa e bacche di goji

DSC_0435

L’avena è un cereale perfetto. Se non avete problemi con il glutine, lo trovate con facilità, se invece avete bisogno come me di quella gluten-free, richiedetela nei negozi specializzati! :)

Cerale ottimo per la colazione, è ricco di carboidrati a lenta digestione e non crea picchi insulinici e ci dona energia a lungo termine accompagnandoci per molto tempo. Ha un elevato contenuto di fibre utili per la digestione ed è il cereale più ricco di proteine di tutti!

Ingrediente immancabile nella cucina di uno sportivo! Utile in cucina per la colazione ma anche nei primi piatti o nelle insalate o per fare anche biscotti :)

Ho arricchito la granola con una sacco di cose che adoro, in primis le mandorle, i semi di canapa e le bacche di goji!

DSC_0441a

Cosa vi serve:

(per un barattolo grande a chiusura ermetica)

250 gr di fiocchi d’avena

(in alternativa fiocchi di riso o di grano saraceno)

85 gr di bacche di goji

200 gr di mandorle non pelate

50 gr di uvetta

semi a piacere di cui 2/3 semi di canapa

(girasole, canapa e zucca)

4/5 cucchiai di succo d’agave

1 pizzico di sale (facoltativo)

1 cucchiaio di olio (sapore leggero)

Come si prepara:

molto semplice :) metti in amollo le mandorle per un’ora almeno. Metti in amollo anche le bacche di goji e l’uvetta per 15 minuti.

Pesa l’avena, aggiungi i semi e le mandorle (rese a granella con il mixer). Aggiungi l’olio e il succho d’agave e impasta bene con le mani.

Metti tutto in una teglia con carta da forno e schiacchia un pò l’impasto. Inforna a 160/180° per 40 min (a seconda di quanto sia forte il forno). Ogni 10 minuti apri il forno e gira la granola in modo da uniformare la colorazione senza far bruciare niente. Negli ultimi 15 minuti aggiungi le bacche di goji e l’uvetta.

Spegni il forno, lascia raffreddare e poi conserva tutto in barattolo.

Per rendere la granola più dolce, riduci i semi e aggiungi delle albichocche secche tagliate a pezzetti. (Sempre pre-ammollate).

Gusta la tua granola con dello yogurt vegetale o di capra bio, con un buon cappuccino di soia schiumoso :) o con un frullato di frutta!

DSC_0439